Vitamina F - gli Acidi Grassi Essenziali

acidi grassi essenziali: omega 3 - omega 6


Gli acidi grassi essenziali sono componenti fondamentali delle membrane che rivestono le cellule, regolano il tono della parete vascolare, garantiscono l'efficienza del sistema nervoso, affinano i riflessi. Sono così chiamati perché l'organismo umano non riesce a sintetizzarli, per evitare i disturbi da carenza occorre, quindi, assumerli tramite il cibo. Sono acidi grassi essenziali:

- l'acido linoleico (omega 6);

- l'acido alfa-linoleico (omega 3).

Da questi due acidi grassi, attraverso complesse trasformazioni enzimatiche, ne derivano altri definiti PUFA (dall'inglese Polinsatured Fatty Acids) o "di derivazione". In particolare, dall'acido alfa-linoleico si ricavano EPA (acido eicosapentaenoico) e DHA (acido docosaesaenoico); mentre dall'acido linoleico: AA (acido arachidonico) e GLA ( acido gamma linoleico). Per ottenere questi acidi di derivazione, importanti per una buona salute, è necessario che l'organismo umano possegga un enzima, l'enzima delta 6 desaturasi, che, purtroppo, con l'avanzare dell'età tende ad essere carente. Di qui la necessità di introdurre cibi che contengano questi acidi di derivazione già formati, come: pesce, olio di pesce o di borragine, crostacei.

I PUFA:

- sono nutrienti essenziali per lo sviluppo del tessuto nervoso dei neonati e una loro carenza può causare un alterato sviluppo del sistema visivo e del sistema nervoso centrale anche dell'adulto;

- in campo dermatologico sono indispensabili per mantenere la pelle in buona salute: una carenza provoca un incremento delle perdite di acqua transepidermiche;

- controllano l'aggregazione delle piastrine del sangue e regolano l'equilibrio delle prostaglandine (sostanze coinvolte nel processo aterosclerotico);

- sono indispensabili negli sports che esigono una perfetta funzionalità del sistema nervoso, soprattutto per quanto riguarda i riflessi (scherma, tennis, motociclismo, ginnastica).

Le fonti naturali dell'acido linoleico e dei PUFA omega 6 sono essenzialmente vegetali: olio di mais, di soia, di noci, di girasole, di oliva, di borragine; mentre l'acido alfa linoleico e i PUFA omega 3 si trovano nel pesce, nell'olio di pesce e nei crostacei.

Secchezza e desquamazioni cutanee, malattie cardiovascolari, alterato sviluppo del sistema nervoso centrale, ne sono manifestazioni di carenza, a tal proposito, le situazioni più a rischio riguardano i neonati (specialmente prematuri), le donne in gravidanza, le diete dimagranti drastiche e le diete squilibrate. Un iperdosaggio può causare:

- facilità di sanguinamento;

- problemi al sistema immunitario;

- intossicazione;

- interferenze con la vitamina E.

L'assunzione di integratori con oli ricchi di omega 6, omega 3 e PUFA è necessaria solo quando l'apporto alimentare non è adeguato o quando i sistemi enzimatici non sono efficienti.

vedi:

i grassi o lipidi

 


Advertising

X115