Ferro e integratori di ferro

FUNZIONI DEL FERRO

Esistono due forme di ferro alimentare, EME e non EME.

Il ferro eme è il ferro legato a emoglobina e mioglobina, si trova nei cibi di origine animale ed è la forma assorbita più facilmente.

Il ferro non eme si trova nei vegetali ed è scarsamente assorbito. Ciò è dovuto al fatto che si trova come Fe3+ e prima di essere assorbito deve essere ridotto a Fe2+. Nelle cellule della mucosa viene ossidato a Fe3+ ed è trasportato in circolo dalla transferrina.

DOSE GIORNALIERA RACCOMANDATA

Lattanti
Fino a 6 mesi 6 mg
6-12 mesi 10
Bambini
1-10 anni 10
Adolescenti e adulti
Maschi 11-18 anni 12
Maschi oltre 18 anni 10
Femmine 11-50 anni 15
Femmine oltre 50 anni 10
Donne in gravidanza 30
Donne durante l'allattamento 15

Alle donne in gravidanza sono consigliati integratori di ferro poiché la sola dieta non è sufficiente a garantirne l'aumentato fabbisogno.
La fascia di popolazione a maggior rischio di carenza di ferro è rappresentata dagli anziani in cui la diminuzione dell'assorbimento è dovuta ad una diminuzione della secrezione di acido cloridrico.
Alcuni studi hanno messo in luce che elevati livelli di ferro possono aumentare il rischio di cardiopatie mediante la produzione di radicali liberi. Un avvelenamento acuto di ferro nei lattanti può provocare gravi conseguenze con danni alla mucosa intestinale, insufficienza epatica, nausea e vomito.